I sentieri

“Troverete qualcosa di più nel bosco che nei libri.
Gli alberi e le pietre vi insegneranno
ciò che non imparerete mai dai maestri.”
(San Bernardo)

ll parco museo della “macchia” rappresenta l’occasione di incontrare i buoni valori che univano la gente di maremma alla sua “macchia”.
Il parco museo della “macchia”, oltre a raccogliere, conservare, studiare e valorizzare le testimonianze umane del territorio che rappresenta, le pone al centro di un’attività didattica ed escursionistica, con i suoi sentieri cerca le tracce delle passate attività dell’uomo ed esplora la ricchezza specifica di piante ed animali della macchia mediterranea maremmana.
Per la visita guidata ai sentieri è previsto un servizio organizzato che condurrà i visitatori a spasso stimolando l’osservazione dell’ambiente naturale.

I percorsi sono sempre aperti!

I Sentieri:

Alcuni sentieri vanno ripuliti e attrezzati con cartelli indicatori e con pannelli illustrativi sugli aspetti botanici, faunistici e antropologici. I percorsi individuati sono: il sentiero del brigante Tiburzi, il sentiero della macchia maremmana e il sentiero del pomario. Hanno forma circolare per permettere al visitatore la varietà del percorso.

Percorso del Brigante Tiburzi:
(circa 3,5 km., tempo necessario 2h.30′)

Il percorso ripercorre un vecchio sentiero che porta all’alloggio effettivamente frequentato dal famoso brigante, infatti vi si trovano ancora i resti perfettamente funzionanti della fonte e del forno di cottura dei cibi nonchè della carbonaia. Offre diversi motivi di interesse: antropologico, per la presenza di piazzole di carbonaie e fontanile, di fornaci per la cottura dei cibi; botanico , per la successione di differenti tipi di vegetazione; faunistico, per la varietà di specie animali presenti, ed infine paesaggistico.

Percorso della macchia maremmana:
(circa 5,5 km., tempo necessario 2h30′ circa)

l’itinerario segue i crinali della macchia di vallemaggiore: durante l’escursione sono previste soste per l’osservazione sia botanica che faunistica e non mancherà la degustazione di uno dei più bei panorami della maremma, quello sulla piana grossetana, sui monti dell’uccellina e del mare.

Percorso del pomario:
(circa 1,5 km., tempo necessario 3h.30′)

Il percorso prevede la visita del frutteto dove sono state recuperate alcune specie di frutti tipici, dalle pere ai fichi alle susine alle albicocche ai cachi ecc,ecc. tutti antichi e rari sulle nostre tavole, l’itinerario oltre all’osservazione prevede anche la degustazione della frutta di stagione.